martedì 31 maggio 2011

Arredare con i libri: sedute alternative


Dall'articolo dell'arch. Elisabetta Baldi

Arredare con i libri, sedute alternative libri e riviste in casa: atmosfera e arredamento.

C’è chi li raccoglie perché sono parte di collezioni in itinere, chi li compra, li legge, e poi li sistema ordinatamente tra gli altri negli scaffali della propria libreria, chi ancora li acquista attratto dalla copertina o dal titolo ma poi neppure li apre: i libri. Fanno parte della vita di tutti noi, ma cosa farne quando i nostri ripiani sono saturi ma non vogliamo liberarci da quelli che non sappiamo più dove conservare?

La prima idea d’arredo è quella di creare delle torri di libri, più o meno alte, come fossero delle colonne d’arte per casa nostra: colorate ed irregolari, se composte da libri diversi tra loro per forma e dimensione, ideali per un ambiente vivace, essenziali e mono color siete minimalisti e amate l’ordine e la precisione.


Libri a portata di sedia

Potrete collocarle ai lati delle porte del vostro soggiorno, o nello studio, oppure semplicemente vicine tra loro in un angolo della vostra stanza.

Un’altra idea creativa è la pila/seduta: raccogliete i vostri libri e fatene delle pile alte circa 45 cm, per creare una maggiore solidità racchiudetele con un nastro o un pezzo di fettuccia o stoffa come fareste con un pacco regalo, facendo passare il nastro sulle quattro superfici e otterrete delle fantastiche ed originali sedute su cui far accomodare il vostro ospite da utilizzare come “posto in più”.

Fare una sedia direttamente con i libri

Anche in questo caso potrete decidere voi lo stile: potrete creare degli sgabelli vivaci e solari utilizzando un nastro dai colori accesi come ad esempio le tinte fluo, oggi molto di moda, come giallo, fucsia, arancio, oppure qualcosa di più serio e sobrio con fettucce grigie, nere e bianche e magari pitturando dello stesso colore le coste dei vostri libri da buttare ottenendo così un divertente elemento d’arredo riciclato!

Ma potrete creare altre divertenti sedute non solo utilizzando i vostri libri, ma anche attraverso l’uso e il riuso dei vostri quotidiani vecchi: otterrete così un oggetto che darà al vostro ambiente un’atmosfera metropolitana e comunicata!

Sedia e tavolino porta libri, un modo alternativo di concepire la propria libreria

Oltre a sgabelli molto minimal potrete poi costruire per il vostro appartamento tavolini bassi da usare in salotto per i vostri divani che saranno così un prodotto fatto da voi, facile da fare, economico e divertente. Anche qui la personalizzazione è la parola d’ordine, colorati, neutri con disegni geometrici o a pois colorati potrete creare tantissimi modelli diversi tra loro e divertirvi a scegliere le fettucce ed i nastri di colori, tipi e dimensioni del tutto diverse tra loro come l’utilizzo dello spago da pacchi o dello scotch da imballaggio..